Photo by George Morina on Pexels.com

“Quel che importa è che ti importi.

Importa che tu senta.

Importa che tu noti.”

Roger Keyes, da “Hokusai Says”

Il seguire, in ogni settore relazionale, la tendenza a procedere attraverso schemi di approccio conoscitivo e comunicativo già consolidati, è ripetere lo stesso esercizio sperando o credendo che vada bene, seppur magari con piccole variazioni, per tutte le occasioni.

Ma nelle pubbliche relazioni come nella comunicazione, tutto sfuma in qualcosa che è di difficile catalogazione, perché intessere rapporti produttivi in termini lavorativi, emotivi o anche familiari, parte dal presupposto che si comunichi qualcosa, e questo qualcosa varia.

Per cui, diventa molto teorico affidarsi ad atteggiamenti prudenziali in questo settore. Invece, risulta un valore aggiunto dare spazio alla consapevolezza che anche nelle relazioni pubbliche o private ci si deve trovare faccia a faccia con le emozioni difficili e scomode che ci nascono dentro.

Per poterle rendere fruttuose non vanno messe sotto al tappeto ma vissute con l’intenzione concreta di fare amicizia con ciò che si prova, perché dimostra che di quelle relazioni ci importa veramente. e se ci importa si nota e soprattutto lo notano i nostri interlocutori.

Pubblicato da Carmine Aceto

Editoria - Management culturale - Pubbliche Relazioni e comunicazione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: